Uno psicologo stava spiegando come gestire meglio lo stress. Quando sollevò un bicchiere d’acqua, tutto il pubblico immaginò che avrebbe posto la solita domanda: “Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto?”
Quello che invece domandò fu: “Quanto credete che pesi questo bicchiere d’acqua?”
Le risposte variarono da 250 a 400 grammi.
“Il peso assoluto non conta, – replicò lo psicologo – dipende dal tempo per cui lo reggo. Se lo sollevo per un minuto, non è un problema. Se lo sostengo per un’ora, il braccio mi farà male. Se lo sollevo per tutto il giorno, il mio braccio sarà intorpidito e paralizzato. In ogni caso il peso del bicchiere non cambia, ma più a lungo lo sostengo, più pesante diventa.” E continuò: “Gli stress e le preoccupazioni della vita sono come quel bicchiere d’acqua. Se ci pensate per un momento, non accade nulla. Pensateci un po’ più a lungo e incominciano a far male. E se ci pensate per tutto il giorno, vi sentirete paralizzati e incapaci di far qualunque cosa.
(via nonfamale)
Ma porca troia nel ‘98 dovevamo nascere noi? In un’epoca in cui ti guardano solo se sei un metro e settanta, se hai una 36, un culo bello sodo e un seno giusto per loro? E ovviamente lo shatush, la riga in mezzo, le superga alte, i leggings o come cazzo si scrive, il rossetto rosso battona e la maglietta a stampa animalier. Non possono mancare l’iPhone, meglio se 5s, la borsetta fighissima in cui entra solo mezzo quaderno, ma chissene frega, a loro non serve, ovviamente il beauty con il rossetto e il fondotinta, e le sigarette. Quelle non possono mancare. E puoi anche avere tutte queste cose, ma se non cambi ragazzo ogni settimana non ti vorranno. Se non la dai al primo che passa, ti guarderanno male. Per non parlare poi del fatto che ami leggere! Abolito! I libri sono aboliti, la cultura ancor di più. Ti vogliono stupida, con la bocca che sa fare bei lavoretti, e l’apertura di gambe ampia. Vogliono che il tuo argomento principale sia ‘ieri in discoteca mi sono fatta uno, non so manco come si chiama!’, e guai a dire ‘ho letto quel libro, è molto bello e profondo.’ Devi essere stupida e vuota. L’unica sensazione di pienezza che devi sentire è tra le gambe e in bocca. Ma per favore, dove sono finiti quei bei vestitini, quelli che te la facevano sognare la notte, una donna! Quelle ragazze che le conquisti regalando loro un libro, e non tirando fuori i preservativi.
Em. Scusate, sono abbastanza incazzata. (via aliveforlive)